"Nitolbu biex il-ministeru tiegħek ikompli jkun dawl għall-ġnus" - L-Arċisqof lin-Nunzju Appostoliku għal Malta

Omelija waqt Quddiesa f'għeluq l-20 anniversarju tal-episkopat tan-Nunzju Appostoliku Mons. Alessandro D'Errico

  • L-omelija tal-Arċisqof Charles J. Scicluna

     

  • Il-Konkatidral ta’ San Ġwann, il-Belt Valletta
    6 ta’ Jannar 2019 


    Eccellenza, a nome della Chiesa che è in Malta e anche in Gozo vogliamo non solo gioire con Lei ma anche impegnarci in una preghiera costante per il Suo ministero in mezzo a noi.

    Trent’anni fa il giorno dell’Epifania, San Giovanni Paolo II te ordinò vostra eccellenza vescovo successore degli apostoli con altri colleghi; parlò di Gesù come luce per le genti: Lumen Gentium. Si riferì anche alle tenebre che delle volte offuscano la vita dell’uomo e che attenebrano il mondo. Mentre ci accingeva per consacrare Lei ed i Suoi collegi successori degli apostoli della Chiesa, questo Santo Papa ha insistito che Gesù era il servizio di questa luce che viene nel mondo per illuminare la vita di ogni uomo e donna.

    In quel momento guardando Lei, giovane vescovo nuovo, il Santo Papa Giovanni Paolo II aveva diterrito la Sua missione in Pakistan, chiedendoLe di essere segno di vigilanza non solo del cuore del Papa ma di tutta la Chiesa a quel popolo orientale. Come ha detto Lei al inizio di questa celebrazione, la volontà di Dio ha chiesto a Lei, e Lei ha corrisposto con generosità di dedicarsi ai popoli in Pakistan, in Bosnia Herzegovina, in Montenegro, in Croatia, e  adesso qui fra noi come rappresentante del Papa della vicinanza e dell’amore di Pietro per la nostra Chiesa.

    Noi oggi vogliamo pregare perché il Suo ministero, come succesore degli apostoli, continua ad essere luce per le genti. Mentre celebriamo l’Epifania chiediamo anche che tutti noi, come Cristiani, possiamo portare quella luce che brilla negli occhi di Dio, e brilli nel nostro cuore e ci rende veramente assettati per la sua misericordia, della sua pace, del suo amore. E così i nostri occhi possono guardare i nostri fratelli e vedere in loro il volto di Gesù.

    Jiena u nawgura lill-Eċċellenza Tiegħu fl-20 anniversarju mill-ordinazzjoni tiegħu bħala isqof minn idejn il-Qaddis Papa Ġwanni Pawlu II, l-ewwel nett wgħedtu t-talb ta’ kull wieħed u waħda minnha. It-tieni fakkartu li l-Papa Ġwanni Pawlu II, 20 sena ilu, meta ordna lin-Nunzju tagħna u lil sħabu bħala isqfijiet, kien tkellem dwar Ġesù bħala d-dawl tal-ġnus. Illum dan irridu niċċelebraw fl-Epifanija: Ġesù li jiddi bħala dawl għall-ġnus.

    Il-Papa 20 sena ilu kien tkellem ukoll dwar id-dlamijiet li jaħkmu l-qalb tal-bniedem, id-dlamijiet li jaħkmu d-dinja. Imma l-Mulej li jiddi fid-dinja huwa d-dawl li jiddi fid-dlam. Hu jistedinna biex nilqgħu dan id-dawl u jagħtina l-għarfien tal-fidi.

    Dakinhar il-Papa kien kellem direttament lill-Mons. Alessandro D’Errico u peress li kien bagħtu Nunzju fil-Pakistan, talbu li lill-poplu tal-Pakistan iwassallu l-viċinanza tal-Papa u l-imħabba tal-Knisja. Imma f’dawn l-20 sena r-rieda ta’ Alla bagħtitu wkoll bħala Nunzju Appostoliku fil-Bosnia Herzegovina, Montenegro, fil-Croatia u llum fostna.

    Nitolbu għalih u nitolbu wkoll għalina biex aħna nilqgħu l-istedina li fil-qalb tagħna nġorru dan id-dawl li hu d-dawl ta’ Ġesù u li bid-dawl ta’ Ġesù fil-qalb tagħna u bil-mod kif inħarsu lejn xulxin, aħna nilmħu l-wiċċ ta’ Kristu f’kull persuna li niltaqgħu magħha.


     Charles J. Scicluna
        Arċisqof ta’ Malta